lunedì 7 maggio 2012

Lavanda, fiore di Francia



Volendo essere pignoli, il fiore francese per eccellenza dovrebbe essere il giglio. Simbolo araldico, in Francia è divenuto, a partire dal Medio Evo l'emblema della regalità.
Ma quando penso ad un fiore che mi ricordi la Francia, l’immagine della lavanda sorge spontanea tra i miei pensieri. Immense distese di lavanda, come se ne possono trovare solo in Provenza. Sconfinate macchie di colore che spezzano il paesaggio e riempiono l’aria con la loro fragranza fresca e floreale. Uno spettacolo che lascia senza fiato.




La sua storia ha origini antichissime: già gli antichi Romani erano soliti profumare l'acqua del bagno con i suoi fiori ed è, infatti, dal latino “lavare” che deriva il suo nome. Oltre ad essere amata per le sue proprietà rinfrescanti e profumanti, Plinio il Vecchio la descrive come una delle erbe curative più utilizzate dell’epoca. L’essenza di lavanda è infatti un ottimo sedativo del sistema nervoso centrale: calma l’ansia, l’insonnia, l’agitazione e il nervosismo. Esercita un’azione riequilibrante, essendo contemporaneamente tonica e sedativa. Ha inoltre proprietà analgesiche, antisettiche e antibiotiche che la rendono molto valida nel trattamento di tutte le malattie da raffreddamento come influenza, tosse e raffreddore. Calma dolori e spasmi addominali e, svolgendo azione diuretica ed essendo un ottimo antisettico, contrasta le affezioni del sistema genito-urinario come le cistiti. Insomma, l’olio essenziale di lavanda non dovrebbe mai mancare nell’armadietto dei rimedi, dato che si tratta di un vero e proprio toccasana!

Mal di testa, tensione nervosa, stress e insonnia: 2 gocce di olio essenziale massaggiate alle tempie, ai polsi e alla nuca, inspirando l’aroma lentamente e profondamente, alleviano il dolore e la tensione e aiutano a ritrovare l’armonia con se stessi e con gli altri.




Durante il periodo Elisabettiano la Lavanda inizia il suo periodo di gloria nel campo della profumeria. Saponi, profumi e polveri profumate diventano un vero e proprio ‘must’, mai passato di moda da allora. All’epoca le dame cucivano sacchetti contenenti fiori di lavanda all’interno delle loro sottane ed è da quest'usanza che ancor oggi si inseriscono sacchetti di lavanda tra la biancheria. Il beneficio di questo atto non sta solo nel lasciare un gradevole aroma sui tessuti ma anche come sistema anti-tarme. La Lavanda è ottima anche in caso di pelle impura: ecco una ricetta davvero ottima e profumatissima!

Maschera per pelle impura: miscelare un po’ di argilla verde (oppure polvere finissima di mandorle) con un po’ di acqua, 2 gocce di olio essenziale di lavanda, qualche goccia di limone e un cucchiaino di miele. Applicare sul viso e rimuovere con acqua tiepida prima che si secchi del tutto.






Il ‘color Lavanda’ è ormai diventato un modo consueto di indicare quella meravigliosa tinta che si colloca a metà tra un delicato lilla e un più deciso blu. E’ un colore fresco, elegante, perfetto se abbinato al bianco. Trovo che, sapendolo dosare nella giusta maniera, sia perfetto per un arredamento Shabby Chic!
Chi non vorrebbe una casa color lavanda?! Bè, forse tutta di questo colore proprio no…ma qualche tocco, per chi ama i colori delicati e le case romantiche, può rivelarsi una soluzione davvero di gran classe.






La rinomata Maison Ladurée ha fatto del color Lavanda un fiore all’occhiello, abbinato al delicato verde menta dell’insegna e al rosa pastello delle sue confezioni crea un abbinamento decisamente…goloso!





 Gradite un Macaron alla Lavanda?


Ho sempre guardato con curiosità alle ricette di cucina che prevedono l’utilizzo dei fiori. La Lavanda si presta bene per moltissimi ‘esperimenti’ culinari, con quel suo aroma avvolgente ed inconfondibile!
Volete provare?  QUA Troverete una discreta quantità di ricette che comprendono l’uso dei fiori di lavanda…sbizzarritevi, la stagione in arrivo è quella giusta!

 






Per quanto mi riguarda, ho voluto sperimentare questi biscottini…davvero deliziosi! Se volete cimentarvi a vostra volta, ecco la ricetta:

200 gr di farina;
100 gr. di burro;
150 gr di zucchero,
1 uovo;
 1 cucchiaino di lievito;
1 cucchiaio colmo di fiori di lavanda;

Mescolate il burro alla farina, fino ad ottenere un impasto ‘sabbioso’, unite lo zucchero, il lievito, l’uovo e i fiori di lavanda (se qualcuno volesse ottenere un aroma più intenso, può aggiungereall’impasto una o due gocce di olio essenziale di lavanda, senza esagerare perchè è davvero molto intenso).  Impastate fino ad avere un composto elastico ed omogeneo, a questo punto stendete la pasta con l’aiuto di un mattarello e tagliate i biscotti. Disponeteli su una teglia ricoperta di carta da forno e infornate a  150-160° per circa 15 minuti.
Questi biscotti sono ottimi serviti con gelato alla vaniglia o composta di mele.  Confezionati in una elegante scatola di latta sono un regalo perfetto per questa stagione!

 


Se volete fare dono a qualcuno di una pianta, o di un bel mazzo di Lavanda fate attenzione! Nel liguaggio dei fiori, simboleggia la diffidenza. Motivo per cui sarebbe sconsigliato anche inserirne nel proprio bouquet nuziale...



Dopo questo viaggio fatto di colori, aromi e sapori, non posso che lasciarvi con un consiglio letterario: Il profumo del pane alla lavanda, di Sarah Addison Allen.
Una storia di donne, con protagoniste due sorelle dotate di un dono speciale e con una strana, quanto affascinante eredità da gestire. Io l'ho letto e l'ho adorato: è delicato, profondo e pieno di magia!


Francesca

Foto&Credit:

16 commenti:

  1. Devo procurarmi l'olio essenziale per l'emicrania!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i biscotti alla lavanda sono proprio da provare e il profumo si sente fin qua!!
      quelle che .. il tombolo

      Elimina
    2. @Siboney, io l'ho provato e funziona!
      @ Quelle che...il Tombolo, posso garantire che sono una bontà! Qui a casa sono spariti nel giro di un pomeriggio!
      Francesca

      Elimina
  2. Colore, profumo, coltivazioni...mi piace tutto della lavanda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' senza dubbio un fiore molto versatile^^
      Francesca

      Elimina
  3. La mia maestra di cucina fa pure il gelato alla lavanda...ma a me non piace molto...però adoro la lavanda.wuando siamo stati in provenza ci siamo riempiti il bagaglisio di piantine.ora sono nel nostro giardino .graxie poter il tuo post esaustivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andare in Provenza e tornare con il bagagliaio della macchina pieno di profumate piantine di lavanda è il mio sogno!
      Francesca

      Elimina
  4. mi è venuta proprio voglia di leggere il libro!
    io amo la lavanda, amo i campi di lavanda della Provenza (il mio sogno sarebbe una bella casetta la nel mezzo!), il profumo e la versatilità di questo fiore (con il quale riempio gran parte di ciò che cucio)
    ho sempre pensato che il giorno in cui mi sposerò (se succederà) il tema sarà proprio la lavanda!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, il libro te lo consiglio, è davvero una lettura piacevole, specie se affrontata in un fresco e profumato giardino provenzale con una bella caraffa di tè freddo a portata di mano! Ma ci si accontenta anche del divano di casa, insomma!
      Francesca

      Elimina
  5. Vorrei tanto poter essere lì!
    Ciao, a presto...
    Silvia

    RispondiElimina
  6. Adoro leggere il tuo blog ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika^^ Questo è un blog a più mani, sono contenta che tu abbia gradito il mio post!
      Francesca

      Elimina
  7. Sono da anni una grande appassionata di lavanda, ho fatto non so quanti sacchettini, pacchettini, di tutti i tipi, anche i "cuscinetti da sonno"
    Ti leggo sempre e adesso mi presento DANIELA
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, piacere di conoscerti! Se sei appassionata di lavanda, devi assolutamente provare anche le ricette!! Un abbraccio^^
      Francesca

      Elimina
  8. quest'anno le mie piante di lavanda sono state veramente generose mi piacerebbe farmi l'olio essenziale. Qualcuno mi sa dare la ricetta? ciao grazie!

    RispondiElimina